Federazione dei dottori agronomi e forestali dell'Umbria
Ordine Provinciale di Perugia - Ordine Provinciale di Terni
Area Riservata
Login in corso...
Normativa Professionale
10/05/2015

 

Liberi professionisti: ecco la differenza tra DURC e attestazione di regolarità contributiva 

Si trasmette per opportuna conoscenza la nota di Inarcassa ( ente previdenziale assimilabile al nostro Epap) a risposta ad alcuni dubbi in merito all’obbligatorietà del DURC per i professionisti iscritti ad un ente previdenziale (in questo caso Inarcassa ma che può essere Epap)  che partecipano ai bandi di gara di affidamento dei servizi di ingegneria e architettura e che assumono incarichi di progettazione pubblici.

Nel documento che si allega per una attenta lettura, viene innanzitutto chiarita la differenza tra DURC e regolarità contributiva:

  • il DURC, disciplinato dall’articolo 6 del Regolamento Attuativo del Codice Appalti (Dpr 207/2010), è un certificato unico che attesta la regolarità contributiva di un'impresa nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché in tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente nei confronti di Inps, Inail e Casse Edili
  • la regolarità contributiva, regolata dall’articolo 90, commi 6 e 7, del Codice Appalti (D.Lgs. 163/2006), è chiesta ai progettisti che partecipano alle gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, al fine di dimostrare la propria regolarità contributiva nei confronti del loro ente previdenziale

Pertanto, si deduce che il DURC non è assimilabile all'attestazione di regolarità contributiva.

In particolare:

  • per le imprese che partecipano alle gare d’appalto è necessario il DURC per essere in regola con gli adempimenti nei confronti di INPS, INAIL e Casse edili
  • per i progettisti e professionisti che partecipano alle gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura il DURC non è richiesto, a condizione che non abbiano dipendenti nel proprio studio e siano in regola con i contributi previdenziali, ma devono attestare una posizione regolare nei confronti del proprio ente previdenziale.

il Presidente Dott.Agr. Stefano Villarini